This Week!
CiaoMilano CiaoMilano English
This Week!
CiaoMilano
    English
 
 
Per contrastare l'ulteriore diffusione del coronavirus COVID-19, vale l'indicazione della massima cautela in caso di incontri con altri, anche per strada: va tenuta una distanza di almeno un metro e bisogna portare una mascherina (meglio se chirurgica).
.:. Milano e la Lombardia sono ancora zone a rischio, anche se a partire dal 3 giugno bar, ristoranti, negozi e perfino musei hanno cominciato a riaprire. Le scuole sono riprese dal 14 settembre. Eppure, nonostante le nostre dita siano rimaste incrociate, dal 5 novembre è stato dichiarato un nuovo lockdown.
.:. Le informazioni ufficiali sono sul sito YesMilano.

 
Due chiacchiere con la creatrice della Stefi, che ci ha lasciati proprio a Natale 2019. Riprendiamo un articolo di CiaoMilano uscito nel febbraio 2010

.:. Preferirebbe esprimersi con un disegno, piuttosto che presentare in pubblico il suo ultimo lavoro parlando davanti a una piccola folla venuta a scoprire la mostra itinerante dedicata a Stefi, uno dei suoi personaggi più celebri. Ma, vinta l’emozione, Grazia Nidasio sfodera la sua determinazione. Per lei, che di generazioni di bambini ne ha fatte leggere fin dal dopoguerra, i bambini “ci riguardano” ancora, e i bambini di oggi pagano in Italia il prezzo di un’integrazione che ancora fatica ad affermarsi, fin dalle aule scolastiche.
.:. Con questo spirito la “mamma” di Stefi e di altri celebri personaggi apparsi per decenni sulle strisce del Corriere dei Piccoli – come Valentina Mela Verde e il Dottor Oss – ha realizzato la mostra “Mi chiamo Stefi e tu?”: curata da Ivan Giovannucci, la sequenza di pannelli presenta alcuni episodi non soltanto in italiano ma anche in inglese, spagnolo, arabo e cinese. Si parte da Milano, nel cortile di Palazzo Litta, per proseguire il cammino a Napoli, Voghera e in altre regioni italiane.
.:. Grazia Nidasio, nata a Milano nel 1931, ha alle spalle il diploma all’Accademia di Brera e una carriera di premi e riconoscimenti che non hanno scalfito la sua umiltà, la sua voglia di rinnovarsi e di osservare il mondo che cambia. Questa mostra la definisce “una piccola cosa”, ma dentro di sé spera che non sia così piccola, almeno per il segnale che potrà dare l’iniziativa: fare del multilinguismo una forma di accoglienza, di scambio e di rispetto tra culture che coesistono, non soltanto con i fumetti, ma anche nel modo in cui la città informa sui i suoi servizi teoricamente aperti a tutti ma in pratica ostacolati da barriere linguistiche, e quindi culturali.
.:. D’altronde non è la prima volta che la Nidasio si mette in gioco per rispondere in anticipo a bisogni altrove trascurati. Qualche esempio? Con i suoi fumetti portò l’innovazione nel Corriere dei Piccoli, inaugurando nei primi anni '50 la nascita di storie e personaggi rivolti espressamente alle lettrici. Poi con la complicità di Stefi, la brillante ragazzina che si confronta con il mondo degli adulti e con le sue contraddizioni, aveva affrontato il tema della difesa dell’ambiente già in pieni anni ’80. E ora l’integrazione dei migranti, dei loro figli che nascono in Italia o ci arrivano giovanissimi, e meritano non soltanto di sentirsi parte del mondo che abitano, ma anche di avere l’occasione per arricchirlo.
.:. Accanto a quelle del celebre settimanale per ragazzi, che ha chiuso i battenti nel 1995 dopo quasi un secolo di vita, si sono animate con i suoi fumetti le pagine dei libri per l’infanzia, delle agende Smemoranda e quelle culturali del Corriere della Sera: bambini, ragazzi e adulti possono continuare a ringraziare la Nidasio per il suo indiscutibile talento al servizio di uno sguardo sul mondo che cambia, ogni volta scegliendo le immagini e i linguaggi più adatti, per ricordarci che dobbiamo continuare a pensare con la nostra testa, anche se non ci chiamiamo Stefi.

[Elisa Munafò]


Mi chiamo Stefi, e tu?
Palazzo Litta, Corso Magenta 24
5-27 febbraio 2010
Ingresso libero



CiaoMilano .:. Palazzo Litta .:. Mi chiamo Stefi e tu?  
 
 
 

KIWI Milano    Creative Commons License
.:. CiaoMilano è una creatura di KIWI Milano, scritta in ambiente Foundation 6 e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.5 Italy.

.:. Icone di
Mollet

.:. copyright © 1997-2020 Roberto Peretta, Milano; copyright © 1997-2006 Monica Levy, Roberto Peretta, Milano
.:.Monica Levy, che nel 1997 ha inventato questo sito, non è più fra noi. Il suo sorriso sta dietro questa parola.

PRchecker.info

Leonardo = No Problem
L'Ultima Cena
L'Ultima Cena di Leonardo, altrimenti difficile da vedere?
Si può prenotare direttamente una visita specializzata, grazie al nostro partner Musement.
Stai qui
Booking arrivo
Booking parto
 
 
CiaoMilano non raccoglie dati personali, salvo la corrispondenza e-mail con lettori e uffici stampa.
Informativa sulla privacy
aggiornato 28 settembre 2020